22 commenti su “DIY Bench Power Supply: ATX Conversion

  1. Pingback: CCFL to LED: TV backlight conversion | marcellinoesposito

  2. Chiedo scusa…..
    vorrei sapere dove hai collegato gli usb
    p.s.:Ho trovato due prese usb, i fili dei contatti sono rosso, nero, verde e bianco.
    ho collegato il filo bianco con il verde(ponticellato), il rosso con il rosso +5v dell’ATX e il nero con la massa.
    Nessuna reazione…..dove sbaglio?
    Grazie

    • I cavi bianco e verde portano il segnale USB, sono da cortocicuitare (ma non tutti i dispositivi USB entrano in carica grazie a questo stratagemma), mentre i cavi rosso e nero sono rispettivamente tensione 5v e massa.

  3. Scusate volevo precisare che per poter caricare un telefonino ecc… con alimentatore spento bisogna usare il cavetto +5VSB, quello di color viola del connettore e ovviamentela massa
    A quando la guida specifica per alimentatore variabile con molta corrente variabile?

    • il colore dei fili varia da alimentatore ad alimentatore, è importante invece seguire la piedinatura del connettore ATX, o le serigrafie sul PCB, se ci sono. Se leggi meglio, noterai che le porte USB sono appunto alimentate da +5VSB proprio per avere corrente anche a PSU in standby 🙂

      • No, sono valori “grossolani”, servono a garantire un carico resistivo tipico di lavoro di questo tipo di alimentatori. Gli alimentaotri per PC sono progettati per avere, da accesi, un consumo minimo di almeno 10w (un normale PC in idle).

    • Si, e’ normale si scaldino. Motivo per cui bisogna posizionarle in posti arieggiati e possibilmente lontano da cavi interni. mmeglio ancora se a contatto con un dissipatore o la scocca stessa dell’alimentatore.

  4. quando collego il cellulare alla USB eroga mediamente 1A… mi sapresti dire come aumentare l’intensità di corrente? dove potrei reperire delle usb con dei cavi più spessi che erogano maggiore intensità di corrente?

    • Devi seguire lo schema di collegamento, poiche’ i dispositivi USB “intelligenti” (smartphone, tablet, ecc) capiscono a che tipo di USB viene collegato -alimentatore dedicato o usb del PC- e regolano di conseguenza la corrente di carica. Lo spessore dei cavi e’ imoprtante, ma per 1-2 Ampere basta un ritaglio di cavo dalla treccia dell’alimentstore stesso.

      • il problema è il cavo che parte dalle usb che ho reperito da un vecchio pc. Hanno uno spessore veramente irrisorio, quando collego il cellulare, attraverso l’App “Ampere” viene rilevato un massimo di 400mA con display acceso (LG G3)
        Quindi per questo ti avevo chiesto se mi sapevi indicare quali usb acquistare

  5. Si ok … Ciao… Ho preso su ebay questo numero oggetto 321673415319. Il problema che pensavo fosse trimmerabile,invece no e non so come fare…. Come il tuo non l’ho trovato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...